PROGETTI ED INIZIATIVE

Attività

 

Per l’attuazione dei suoi scopi l’Associazione si propone lo svolgimento di attività nel settore sociale, socio-sanitario, dell’educazione, informazione, prevenzione, solidarietà, beneficenza, tutela dei diritti civili.

Si propone indi di svolgere, a favore dei soggetti bisognosi che hanno contratto danni ed infezioni irreversibili a seguito di vaccinazioni, somministrazione di sangue e suoi derivati, in occasione di lavoro o servizio, in conseguenza di grave responsabilità medica e sanitaria, oltreché a favore di tutti quelli che rientrino nel concetto di soggetti bisognosi di cui al comma 2 -lett.a)- dell’art.10 del D. L.gs. n.460/97 (“persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari”), compresi  coloro  i  quali  abbisognino  di  trapianto  di fegato e trattamenti medico-specialistici di particolare rilevanza, forme di aiuto e sostegno, attraverso:

  1. il sostegno psicologico, informativo, d’orientamento, di consulenza e di assistenza orientativa, anche di natura medico-sanitaria, psichica, giuridica e legale. In ordine alla consulenza la stessa sarà gratuita. Laddove invece la stessa fosse particolarmente complessa e, pertanto, abbisognevole di particolare preventivo approfondimento, l’Associazione potrà chiedere un contributo-compenso;
  2. lo sviluppo di programmi finalizzati al contenimento di qualunque tipo di danno e/o infezione;
  3. laddove possibile e utile in relazione a particolari concomitanti esigenze personali, azioni di sostegno mirato, anche di tipo materiale;
  4. il sostegno, anche economico, compatibilmente alle disponibilità economiche dell’Associazione, a progetti di ricerca finalizzati a prevenire danni ed infezioni da vaccinazioni e somministrazioni di sangue e suoi derivati, oltreché a progetti di ricerca finalizzati a migliorare le attuali conoscenze sulle patologie contraibili e sul loro impatto sociale, economico e sanitario.

Il raggiungimento degli scopi citati è perseguito in particolare, ma esemplificatamente, attraverso:

  1. l’attivazione di programmi di prevenzione, sensibilizzazione, formazione, etc., sui danni e sulle infezioni contraibili a seguito di vaccinazioni e di somministrazione di sangue;
  2. l’attivazione e la gestione delle attività istituzionali dell’associazione, di consulenza e di orientamento rivolte ai cittadini danneggiati ed affetti da infezioni virali, e fornite in forma gratuita, telefonicamente, per posta elettronica o presso le sedi dell’associazione;
  3. l’offerta di assistenza e sostegno morale finalizzata a rimuovere stati emotivi invalidanti molto frequenti nei soggetti danneggiati ed affetti da infezioni virali, quali: sensazioni di fallimento ed impotenza; frustrazione; rinunce; emarginazione; umiliazione; rimorso verso le persone più care; paura di essere loro stessi causa di danno/infezione; paura di comunicare i propri disagi; auto emarginazione; altre forme di disagio emotivo;
  4. l’offerta di assistenza, anche attraverso materiale informativo, sugli aspetti dei danni e delle patologie virali contratte dagli ammalati;
  • le cure, terapie disponibili e centri specializzati per la cura;
  • la tutela dei malati con suggerimenti e protocolli comportamentali e precauzionali in ambito lavorativo e previdenziale;
  • la prestazione di servizi d’informazione e di orientamento legale per l’ottenimento di ogni tipo d’indennizzo e di risarcimento del danno subito in conseguenza, di, vaccinazioni; somministrazione di sangue e suoi derivati da cui siano conseguite infezioni irreversibili da epatiti post-trasfusionali; danni ed infezioni contratte da personale sanitario in occasione e durante il loro servizio; di grave responsabilità medica e sanitaria;
  • l’erogazione a favore di Enti ed Istituzioni scientifiche riconosciute di fondi destinati alla ricerca sulla prevenzione dei danni e delle infezioni contraibili a seguito di vaccinazioni e di somministrazione di sangue e suoi derivati, oltreché alla ricerca finalizzata a migliorare le conoscenze sulle patologie contraibili.

L’Associazione, a norma del comma 5 dell’art.10 del D. Lgs. n.460/1997, potrà svolgere attività direttamente connesse a quelle istituzionali. Si considerano direttamente connesse a quelle istituzionali le attività statutarie di assistenza sanitaria, istruzione, formazione e tutela dei diritti civili, di cui ai numeri 2), 4), 5) e 10) del comma 1, lettera a), dello stesso art.10, svolte in assenza delle condizioni previste ai commi 2 e 3 dello stesso articolo, nonché le attività accessorie per natura a quelle statutarie istituzionali, in quanto integrative delle stesse.

L’Associazione, fermi gli obiettivi predetti, potrà anche svolgere attività integrative a quelle istituzionali sopra elencate attraverso altre iniziative, quali, ad esempio:

  1. promuovere, organizzare e realizzare seminari di studio, manifestazioni, convegni, incontri, eventi ed altre attività di promozione delle diverse forme ed espressioni culturali e scientifiche europee nei settori indicati ai punti precedenti, pubblicandone i relativi atti e documenti prodotti;
  2. favorire scambi di esperienze professionali, culturali e sociali;
  3. istituire e concedere premi di studio, sovvenzioni e borse di studio per attività nei settori di interesse dell’Associazione;
  4. ideare e diffondere progetti di orientamento e formazione professionale continua, nonché iniziative di formazione a distanza;
  5. partecipare e promuovere la partecipazione a programmi/progetti di cooperazione, ricerca e sviluppo, prevenzione e di educazione, promossi e/o finanziati dall’UE e da ogni altro organismo pubblico o privato, nazionale o internazionale;
  6. pubblicare materiale scientifico e/o informativo per incrementare, nei campi oggetto dell’attività dell’Associazione, la cultura della prevenzione, cura, solidarietà umana e sociale; della beneficenza e della formazione; della tutela dei diritti civili; con l’obiettivo, di garantire il rispetto dei diritti inviolabili, il diritto alla salute ed alla sicurezza, la libertà e gli interessi dei cittadini; una dignitosa qualità di vita; il diritto alla tutela degli interessi economici degli ammalati danneggiati ed il rispetto dei principi sanciti dalla Costituzione Italiana e dalle normative nazionali; nonché, per rimuovere situazioni di svantaggio, di sofferenza e di ingiustizia; mobilitare le coscienze; rimediare agli intoppi istituzionali e permettere il soddisfacimento dei diritti violati;
  7. sviluppare programmi finalizzati al contenimento dei danni e delle infezioni da vaccinazioni, da emotrasfusioni e da responsabilità medica e sanitaria, incluso il sostegno alla ricerca e sperimentazione di prodotti/tecniche anche alternative alla medicina tradizionale e l’accesso precoce alle sperimentazioni cliniche nella fase di sviluppo di nuovi farmaci non ancora in commercio;
  8. partecipare ed organizzare incontri e riunioni con gruppi e associazioni simili e che perseguono gli stessi scopi;
  9. favorire la sensibilizzazione presso le Istituzioni pubbliche affinché siano adottati programmi di educazione, prevenzione ed informazione, finalizzati a prevenire ed eliminare i rischi di danni ed infezioni in conseguenza di vaccinazioni e trasfusioni/utilizzo di sangue ed emoderivati.

Nella realizzazione dei propri scopi l’Associazione:

  1. potrà svolgere collaborazioni e congressi con enti, aziende, privati, professionisti, etc., che possano variamente contribuire al raggiungimento degli scopi dell’Associazione;
  2. si propone di coinvolgere e collaborare con università, dipartimenti, scuole, istituti di ricerca, altre associazioni, imprese, ordini professionali e soggetti pubblici e privati, nazionali ed internazionali, per lo sviluppo di iniziative connesse ai propri scopi e i soggetti privati interessati;
  3. potrà gestire in proprio uno o più siti internet, promuovere, acquisire e gestire testate giornalistiche, e potrà inoltre realizzare, al fine del raggiungimento degli scopi sociali, video, films, dischi, cd-rom, software e quant’altro connesso con le nuove tecnologie dell’immagine e del suono; pubblicare riviste, atti di convegni e dare vita a iniziative editoriali su qualsiasi supporto e di qualsiasi genere; partecipare a trasmissioni televisive o radiofoniche a sfondo culturale, informativo e scientifico.

L’Associazione può assumere tutte le iniziative e svolgere tutte le attività a scopo non lucrativo, ivi compresa la stipulazione di accordi di collaborazione con organizzazioni italiane ed estere ovvero la promozione di e/o la partecipazione in altre associazioni e fondazioni, che siano giudicate necessarie o utili pel conseguimento delle proprie finalità.

L’Associazione potrà assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di collaboratori e prestazioni di lavoro autonomo necessari al suo regolare funzionamento oppure occorrenti a qualificare o specializzare l’attività da essa svolta.

È fatto divieto all’Associazione di svolgere attività diverse da quelle istituzionali espressamente sopra menzionate. L’Associazione potrà tuttavia svolgere attività direttamente connesse a quelle istituzionali, ovvero accessorie per natura a quelle statutarie, in quanto integrative delle stesse.

Il Presidente

Condividi: